La paura ti fa sentire in gabbia? Consigli su come affrontarla

Dott. Francesco Ferranti

Dott. Francesco Ferranti

Psicologo - Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

Chi sono

Come abbiamo visto, la paura di prendere decisioni può diventare un disturbo invalidante soprattutto per chi, non riuscendo a controllarla, la fa diventare motivo di attacchi di panico. In effetti, dover prendere decisioni che influenzino anche la vita di altre persone è un processo complicato.

Immagina di essere il manager di una grande azienda che deve promuovere ai suoi dipendenti una nuova idea di business. Chi si espone per vedere validate le proprie idee deve, di fatto:

  • Avere un’adeguata conoscenza del compito da svolgere
  • Sviluppare spiccate capacità di problem solving
  • Convincere gli altri della qualità di quanto affermato.

È inutile puntualizzare che la parte più difficile di tutti questi discorsi riguarda in modo particolare l’ultimo punto: per convincere gli altri della bontà di quanto affermato si dovrebbe prima di tutto trasmettere una certa sicurezza di sé stesso.

Ansia da esposizione: pensa all’ipotesi peggiore

Cosa che purtroppo una persona che soffre di ansia da esposizione non possiede. Abbiamo già visto insieme negli articoli precedenti quale tipo di disturbi può portare l’ansia da esposizione ma è arrivato il momento di capire come affrontare questi problemi.

Per capire in che modo affrontare l’ansia da esposizione dobbiamo ripescare un concetto già esposto in precedenza: quello del pensiero all’ipotesi peggiore.

Non lo ricordi o è la prima volta che mi leggi? Tranquillo te lo spiego subito. Quando si hanno delle forti paure, la prima cosa che si tende a fare è scappare dalle paure stesse per evitare di affrontarle. Questo atteggiamento all’inizio può sembrare una soluzione valida: d’altra parte, se evitiamo un problema quello smette di esistere, giusto? O almeno cosi crede il nostro cervello.

La verità però, lasciatelo dire, è leggermente diversa: evitare le paure non è mai salutare. Smettendo di fare le cose che ci spaventano ci sembra di essere al sicuro, ma in realtà evitare una cosa che ci fa paura non farà altro che accrescere sempre di più la paura stessa, fino a trasformarla in una vera e propria fobia.

Per farti capire meglio di cosa sto parlando, ti faccio un esempio pratico: mettiamo il caso che dopo un incidente abbastanza spaventoso tu abbia paura di rimetterti a guidare la tua auto. All’inizio cercherai di evitare tutte le situazioni in cui è richiesta la guida: chiederai passaggi agli amici, preferirai sempre una bella passeggiata.

Ad un certo punto, ti renderai conto che questo atteggiamento è troppo limitante e non ti fa bene. E allora che fare? Come affrontare le tue paure?

Come ti ho detto prima: applicando il metodo della previsione peggiore. Un po’ alla volta, tutti i giorni, prenditi un po’ di tempo per pensare a quali potrebbero essere le conseguenze peggiori del ritornare alla guida: immaginale proprio tutte, anche le più grande e grave. Fai questo esercizio almeno una volta al giorno, per un minuto.

Trasforma la paura in coraggio

Vedrai che piano piano, a furia di pensarci, ti accorgerai che queste eventualità ti sembreranno sempre più remote e assurde. Con l’ansia da esposizione il discorso è più o meno lo stesso. Pensa per un po’ alla cosa peggiore che potrebbe capitare quando prendi una determinata decisione, o mentre esponi la tua idea ai tuoi colleghi. A furia di pensarci, riuscirai sempre a ridimensionare la cosa e a trovare il coraggio necessario per affrontare la tua paura.

Il segreto per affrontare la paura, di qualsiasi tipo si tratti, è trasformarla in coraggio. Per farlo, la cosa migliore da fare è prendere coscienza di quella paura, esorcizzarla e affrontarla un po’ alla volta.

E tu sei pronto a trovare il coraggio?

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Condividi questo post!

Come abbiamo visto, la paura di prendere decisioni può diventare un disturbo invalidante soprattutto per chi, non riuscendo a controllarla, la fa diventare motivo di attacchi di panico. In effetti, dover prendere decisioni che influenzino anche la vita di altre persone è un processo complicato.

Immagina di essere il manager di una grande azienda che deve promuovere ai suoi dipendenti una nuova idea di business. Chi si espone per vedere validate le proprie idee deve, di fatto:

  • Avere un’adeguata conoscenza del compito da svolgere
  • Sviluppare spiccate capacità di problem solving
  • Convincere gli altri della qualità di quanto affermato.

È inutile puntualizzare che la parte più difficile di tutti questi discorsi riguarda in modo particolare l’ultimo punto: per convincere gli altri della bontà di quanto affermato si dovrebbe prima di tutto trasmettere una certa sicurezza di sé stesso.

Ansia da esposizione: pensa all’ipotesi peggiore

Cosa che purtroppo una persona che soffre di ansia da esposizione non possiede. Abbiamo già visto insieme negli articoli precedenti quale tipo di disturbi può portare l’ansia da esposizione ma è arrivato il momento di capire come affrontare questi problemi.

Per capire in che modo affrontare l’ansia da esposizione dobbiamo ripescare un concetto già esposto in precedenza: quello del pensiero all’ipotesi peggiore.

Non lo ricordi o è la prima volta che mi leggi? Tranquillo te lo spiego subito. Quando si hanno delle forti paure, la prima cosa che si tende a fare è scappare dalle paure stesse per evitare di affrontarle. Questo atteggiamento all’inizio può sembrare una soluzione valida: d’altra parte, se evitiamo un problema quello smette di esistere, giusto? O almeno cosi crede il nostro cervello.

La verità però, lasciatelo dire, è leggermente diversa: evitare le paure non è mai salutare. Smettendo di fare le cose che ci spaventano ci sembra di essere al sicuro, ma in realtà evitare una cosa che ci fa paura non farà altro che accrescere sempre di più la paura stessa, fino a trasformarla in una vera e propria fobia.

Per farti capire meglio di cosa sto parlando, ti faccio un esempio pratico: mettiamo il caso che dopo un incidente abbastanza spaventoso tu abbia paura di rimetterti a guidare la tua auto. All’inizio cercherai di evitare tutte le situazioni in cui è richiesta la guida: chiederai passaggi agli amici, preferirai sempre una bella passeggiata.

Ad un certo punto, ti renderai conto che questo atteggiamento è troppo limitante e non ti fa bene. E allora che fare? Come affrontare le tue paure?

Come ti ho detto prima: applicando il metodo della previsione peggiore. Un po’ alla volta, tutti i giorni, prenditi un po’ di tempo per pensare a quali potrebbero essere le conseguenze peggiori del ritornare alla guida: immaginale proprio tutte, anche le più grande e grave. Fai questo esercizio almeno una volta al giorno, per un minuto.

Trasforma la paura in coraggio

Vedrai che piano piano, a furia di pensarci, ti accorgerai che queste eventualità ti sembreranno sempre più remote e assurde. Con l’ansia da esposizione il discorso è più o meno lo stesso. Pensa per un po’ alla cosa peggiore che potrebbe capitare quando prendi una determinata decisione, o mentre esponi la tua idea ai tuoi colleghi. A furia di pensarci, riuscirai sempre a ridimensionare la cosa e a trovare il coraggio necessario per affrontare la tua paura.

Il segreto per affrontare la paura, di qualsiasi tipo si tratti, è trasformarla in coraggio. Per farlo, la cosa migliore da fare è prendere coscienza di quella paura, esorcizzarla e affrontarla un po’ alla volta.

E tu sei pronto a trovare il coraggio?

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Condividi questo post!

Psicologo Psicoterapeuta

Iscritto all’Ordine degli Psicologi della Regione Sicilia, sez. A n° 6527

P. Iva 05309230877