Separazione e novità: come affrontare i cambiamenti

Dott. Francesco Ferranti

Dott. Francesco Ferranti

Psicologo - Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

Chi sono

Come abbiamo detto fin dall’inizio, la separazione è un periodo molto difficile per chiunque. Per i genitori, che si ritrovano a dover cercare nuovi equilibri. Per i figli, che vedono la loro vita cambiare radicalmente senza riuscire a capire bene come affrontare il cambiamento.

Ci sono dei passaggi, dei momenti, che risultano più difficili da affrontare rispetto ad altri. Nei cosiddetti passaggi critici, la cosa più importante da fare ma soprattutto la più difficile è aiutare i figli a comprendere quello che sta accadendo alla loro famiglia. Cosa succede? Cosa sta per cambiare?

Il primo momento critico in assoluto quando si affronta una separazione o un divorzio è quello in cui questa scelta viene comunicata ai figli. È un momento molto delicato per loro, ma anche per chi si fa messaggero di questa delicata novità. Potrebbe succedere che i figli abbiano reazioni piuttosto violente, che piangano o strillino.

Separazione e novità: momenti critici

Queste reazioni potrebbero ferire i vostri sentimenti, farvi pensare di aver sbagliato, ma in realtà sono piuttosto normali: lasciate che si esprimano con naturalezza, qualunque sia la natura del loro sentimento.

Avere la maturità di esprimersi in ogni singola sensazione è un aspetto fondamentale della vita di ogni essere umano: è importante saper affrontare le proprie emozioni senza vergognarsene. È l’unico modo per crescere adulti consapevoli e soprattutto emotivamente maturi.

Una volta sfogati tutti i malumori possibili legati alla separazione, è il momento di affrontare un altro argomento importante in fatto di cambiamenti. È questa forse la prima vera domanda che si pone un figlio quando scopre che i suoi genitori stanno per separarsi: come sta per cambiare la mia vita?

Una separazione comporta necessariamente l’allontanamento di uno dei due coniugi e quindi un cambiamento nella quotidianità di tutto il nucleo familiare: un ragazzo o un bambino abituato ad avere al suo fianco entrambi i genitori potrebbe soffrire di questa novità.

La soluzione migliore per abituare pian piano i vostri figli alla lontananza da uno dei genitori è scegliere un approccio graduale: fate in modo di garantire, almeno per il primo periodo, una presenza quasi costante dell’ex coniuge. Deve vedere il suo bambino almeno una volta al giorno ed esserci sempre nelle occasioni importanti.

Per quanto la situazione con l’ex coniuge possa essere complicata da affrontare, sparire dalla vita dei figli non è mai la soluzione migliore ai vostri problemi.

Trovare nuovi equilibri dopo la separazione è un lavoro lungo e duro che richiede una collaborazione fortissima da parte di tutte le parti coinvolte.

Cosa cambierà nella coppia

Quando una coppia si separa cambiano tante cose nella vita di tutti, non solo dei figli. È la coppia in primis a trovarsi sconvolta dalla nuova vita. Ecco qualche esempio per fare in modo di trovarti già mentalmente preparati alle novità da affrontare:

  • Nuovi assetti economici: è un aspetto di cui si parla ancora troppo poco quando si parla di separazione, ma è fondamentale. Dopo una separazione, è molto frequente che uno dei due coniugi si trovi una situazione economica di svantaggio. Non solo: chi decide di crearsi una nuova famiglia dovrà sempre tenere conto della somma di denaro da destinare alla famiglia precedente.

  • Intimità: se già in una coppia normale è un argomento delicato, per una coppia che avuto precedenti matrimoni lo è ancora di più. Non è facile ritagliarsi del tempo per la coppia quando si fa parte di una famiglia allargata. Non è facile, ma è necessario per evitare tensioni inutili.

  • Gestione rapporti con i nuovi membri: quando la famiglia si allarga vorremmo che tutti andassero subito d’accordo. Ma quando si tratta di rapporti umani nulla è cosi immediato: lasciate alle persone della vostra vita il tempo di scoprirsi e tutto andrà per il meglio.

    Alla prossima!

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Condividi questo post!

Come abbiamo detto fin dall’inizio, la separazione è un periodo molto difficile per chiunque. Per i genitori, che si ritrovano a dover cercare nuovi equilibri. Per i figli, che vedono la loro vita cambiare radicalmente senza riuscire a capire bene come affrontare il cambiamento.

Ci sono dei passaggi, dei momenti, che risultano più difficili da affrontare rispetto ad altri. Nei cosiddetti passaggi critici, la cosa più importante da fare ma soprattutto la più difficile è aiutare i figli a comprendere quello che sta accadendo alla loro famiglia. Cosa succede? Cosa sta per cambiare?

Il primo momento critico in assoluto quando si affronta una separazione o un divorzio è quello in cui questa scelta viene comunicata ai figli. È un momento molto delicato per loro, ma anche per chi si fa messaggero di questa delicata novità. Potrebbe succedere che i figli abbiano reazioni piuttosto violente, che piangano o strillino.

Separazione e novità: momenti critici

Queste reazioni potrebbero ferire i vostri sentimenti, farvi pensare di aver sbagliato, ma in realtà sono piuttosto normali: lasciate che si esprimano con naturalezza, qualunque sia la natura del loro sentimento.

Avere la maturità di esprimersi in ogni singola sensazione è un aspetto fondamentale della vita di ogni essere umano: è importante saper affrontare le proprie emozioni senza vergognarsene. È l’unico modo per crescere adulti consapevoli e soprattutto emotivamente maturi.

Una volta sfogati tutti i malumori possibili legati alla separazione, è il momento di affrontare un altro argomento importante in fatto di cambiamenti. È questa forse la prima vera domanda che si pone un figlio quando scopre che i suoi genitori stanno per separarsi: come sta per cambiare la mia vita?

Una separazione comporta necessariamente l’allontanamento di uno dei due coniugi e quindi un cambiamento nella quotidianità di tutto il nucleo familiare: un ragazzo o un bambino abituato ad avere al suo fianco entrambi i genitori potrebbe soffrire di questa novità.

La soluzione migliore per abituare pian piano i vostri figli alla lontananza da uno dei genitori è scegliere un approccio graduale: fate in modo di garantire, almeno per il primo periodo, una presenza quasi costante dell’ex coniuge. Deve vedere il suo bambino almeno una volta al giorno ed esserci sempre nelle occasioni importanti.

Per quanto la situazione con l’ex coniuge possa essere complicata da affrontare, sparire dalla vita dei figli non è mai la soluzione migliore ai vostri problemi.

Trovare nuovi equilibri dopo la separazione è un lavoro lungo e duro che richiede una collaborazione fortissima da parte di tutte le parti coinvolte.

Cosa cambierà nella coppia

Quando una coppia si separa cambiano tante cose nella vita di tutti, non solo dei figli. È la coppia in primis a trovarsi sconvolta dalla nuova vita. Ecco qualche esempio per fare in modo di trovarti già mentalmente preparati alle novità da affrontare:

  • Nuovi assetti economici: è un aspetto di cui si parla ancora troppo poco quando si parla di separazione, ma è fondamentale. Dopo una separazione, è molto frequente che uno dei due coniugi si trovi una situazione economica di svantaggio. Non solo: chi decide di crearsi una nuova famiglia dovrà sempre tenere conto della somma di denaro da destinare alla famiglia precedente.

  • Intimità: se già in una coppia normale è un argomento delicato, per una coppia che avuto precedenti matrimoni lo è ancora di più. Non è facile ritagliarsi del tempo per la coppia quando si fa parte di una famiglia allargata. Non è facile, ma è necessario per evitare tensioni inutili.

  • Gestione rapporti con i nuovi membri: quando la famiglia si allarga vorremmo che tutti andassero subito d’accordo. Ma quando si tratta di rapporti umani nulla è cosi immediato: lasciate alle persone della vostra vita il tempo di scoprirsi e tutto andrà per il meglio.

    Alla prossima!

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Condividi questo post!

Psicologo Psicoterapeuta

Iscritto all’Ordine degli Psicologi della Regione Sicilia, sez. A n° 6527

P. Iva 05309230877