Adolescenti e futuro: chi voglio diventare da grande?

Dott. Francesco Ferranti

Dott. Francesco Ferranti

Psicologo - Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

Chi sono

Quanto può essere spaventoso da adolescente pensare al futuro? Sarà capitato anche a voi, da adolescenti, di immaginare il vostro futuro e di sentirvi persi e senza prospettive…beh, sappiate che capita a tutti e succederà inevitabilmente anche ai vostri figli.

Queste sensazioni di blocco o di incertezza fanno parte proprio del percorso dall’adolescenza all’età adulta. Gli adolescenti di oggi si trovano a vivere in un’epoca molto più complicata rispetto a quella che ha guidato il percorso della generazione precedente: le incertezze sulla loro vita futura si sono quasi moltiplicate. Il mondo del lavoro attraversa una crisi senza precedenti, il clima sta cambiando per sempre e come se non bastasse c’è di mezzo una bella pandemia globale.

Insomma, non è certo il periodo migliore per essere un adolescente che ha bisogno di risposte sul proprio futuro. Quello che ha sempre salvato gli adolescenti da un pesante momento di tristezza è la creatività: come abbiamo visto precedentemente, le nuove generazioni non si danno per vinte: se il presente non offre loro le giuste opportunità se ne creeranno di nuove, con le loro stesse mani, sfruttando i mezzi a loro disposizione.

Adolescenti e futuro: che paura

Non tutti gli adolescenti riescono però a sfruttare a pieno il loro potenziale creativo: un po’ per il tumulto di sentimenti che li travolge, un po’ perché spenti e sovrastimolati da un mondo che chiede loro troppo e troppo velocemente. Un adolescente oggi non sa bene a chi o a cosa ispirarsi per costruire una proiezione del Sé futuro che non sia troppo spaventosa e/o irrealizzabile. Ci sono gli influencer dei social, che possono essere un modello a cui ispirarsi: la visione perfetta della vita che offrono troppo spesso questi personaggi può essere destabilizzante, soprattutto quando poi la verità mostrata risulta essere poco realistica.

Chi sono quindi oggi i veri punti di riferimento degli adolescenti? Sembrerà strano e anacronistico ma siete ancora voi care mamme e papà: gli adolescenti scelgono ancora i loro genitori come punto di riferimento, anche se il rapporto genitori figli con il tempo è parecchio cambiato. Non esiste più il senso di riverenza e timore che poteva esserci una volta. Oggi mamme e papà vengono visti come complici o addirittura amici, persone che gli adolescenti vedono quasi come pari, che possono dare consigli e guidare.

Il ruolo dei genitori: lasciateli liberi

È inutile negare che questo atteggiamento può avere sia dei lati negativi che dei lati positivi:

Essere amici dei propri figli mina in un certo senso la propria autorità, ma vi permette di legare maggiormente con loro facendo in modo che si aprano e vi raccontino i loro sentimenti. Questa vicinanza e corrispondenza di sensazioni potrebbe essere anche negativa quando si tratta di guidare i figli verso il proprio futuro, ora vi spiego perché:

  • Anche se non vi sembra, le vostre scelte finiranno inevitabilmente per influenzare quelle dei vostri figli: un bambino il cui genitore fa il medico sarà più portato ad imitare gli atteggiamenti di quel genitore imitandolo e considerandolo in un certo senso come un eroe. Potrebbe quindi succedere che da grande, il ragazzo continui a portare avanti questa passione. Potrebbe succedere allo stesso tempo che il ragazzo decida di non seguire le vostre orme. In quel caso, sarà normale sentirsi un po’ delusi.

  • Se i vostri figli vogliono intraprendere una strada che non conoscete non condizionateli con il vostro eccessivo timore: i social hanno creato tante nuove professioni che la vostra generazione potrebbe non comprendere, ma che non per questo valgono di meno o sono più pericolose dei classici mestieri. Lasciateli sperimentare, anche sbagliando. Non fate pressioni, non esprimete giudizi, non condizionateli. Vi ringrazieranno.

Il futuro è sempre incerto, ma è più bello se frutto delle nostre scelte.

Alla prossima!

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Condividi questo post!

Quanto può essere spaventoso da adolescente pensare al futuro? Sarà capitato anche a voi, da adolescenti, di immaginare il vostro futuro e di sentirvi persi e senza prospettive…beh, sappiate che capita a tutti e succederà inevitabilmente anche ai vostri figli.

Queste sensazioni di blocco o di incertezza fanno parte proprio del percorso dall’adolescenza all’età adulta. Gli adolescenti di oggi si trovano a vivere in un’epoca molto più complicata rispetto a quella che ha guidato il percorso della generazione precedente: le incertezze sulla loro vita futura si sono quasi moltiplicate. Il mondo del lavoro attraversa una crisi senza precedenti, il clima sta cambiando per sempre e come se non bastasse c’è di mezzo una bella pandemia globale.

Insomma, non è certo il periodo migliore per essere un adolescente che ha bisogno di risposte sul proprio futuro. Quello che ha sempre salvato gli adolescenti da un pesante momento di tristezza è la creatività: come abbiamo visto precedentemente, le nuove generazioni non si danno per vinte: se il presente non offre loro le giuste opportunità se ne creeranno di nuove, con le loro stesse mani, sfruttando i mezzi a loro disposizione.

Adolescenti e futuro: che paura

Non tutti gli adolescenti riescono però a sfruttare a pieno il loro potenziale creativo: un po’ per il tumulto di sentimenti che li travolge, un po’ perché spenti e sovrastimolati da un mondo che chiede loro troppo e troppo velocemente. Un adolescente oggi non sa bene a chi o a cosa ispirarsi per costruire una proiezione del Sé futuro che non sia troppo spaventosa e/o irrealizzabile. Ci sono gli influencer dei social, che possono essere un modello a cui ispirarsi: la visione perfetta della vita che offrono troppo spesso questi personaggi può essere destabilizzante, soprattutto quando poi la verità mostrata risulta essere poco realistica.

Chi sono quindi oggi i veri punti di riferimento degli adolescenti? Sembrerà strano e anacronistico ma siete ancora voi care mamme e papà: gli adolescenti scelgono ancora i loro genitori come punto di riferimento, anche se il rapporto genitori figli con il tempo è parecchio cambiato. Non esiste più il senso di riverenza e timore che poteva esserci una volta. Oggi mamme e papà vengono visti come complici o addirittura amici, persone che gli adolescenti vedono quasi come pari, che possono dare consigli e guidare.

Il ruolo dei genitori: lasciateli liberi

È inutile negare che questo atteggiamento può avere sia dei lati negativi che dei lati positivi:

Essere amici dei propri figli mina in un certo senso la propria autorità, ma vi permette di legare maggiormente con loro facendo in modo che si aprano e vi raccontino i loro sentimenti. Questa vicinanza e corrispondenza di sensazioni potrebbe essere anche negativa quando si tratta di guidare i figli verso il proprio futuro, ora vi spiego perché:

  • Anche se non vi sembra, le vostre scelte finiranno inevitabilmente per influenzare quelle dei vostri figli: un bambino il cui genitore fa il medico sarà più portato ad imitare gli atteggiamenti di quel genitore imitandolo e considerandolo in un certo senso come un eroe. Potrebbe quindi succedere che da grande, il ragazzo continui a portare avanti questa passione. Potrebbe succedere allo stesso tempo che il ragazzo decida di non seguire le vostre orme. In quel caso, sarà normale sentirsi un po’ delusi.

  • Se i vostri figli vogliono intraprendere una strada che non conoscete non condizionateli con il vostro eccessivo timore: i social hanno creato tante nuove professioni che la vostra generazione potrebbe non comprendere, ma che non per questo valgono di meno o sono più pericolose dei classici mestieri. Lasciateli sperimentare, anche sbagliando. Non fate pressioni, non esprimete giudizi, non condizionateli. Vi ringrazieranno.

Il futuro è sempre incerto, ma è più bello se frutto delle nostre scelte.

Alla prossima!

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Condividi questo post!

Psicologo Psicoterapeuta

Iscritto all’Ordine degli Psicologi della Regione Sicilia, sez. A n° 6527

P. Iva 05309230877