Adolescenti e rapporto tra pari: consigli per non sbagliare

Dott. Francesco Ferranti

Dott. Francesco Ferranti

Psicologo - Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

Chi sono

Sai qual è la parte più difficile dell’essere un adolescente? Il rapporto con i coetanei. Mentre quando si è bambini il principale obbiettivo è quello di creare alleanze, in adolescenza il modo di vedere le cose cambia radicalmente.

Immagina che un adolescente sia come una rockstar che cerca di sfondare nel mondo della musica: tutto quello che vuole è ricevere approvazione e consenso. Sentirsi approvato dagli altri ed essere parte di un gruppo per un adolescente è fondamentale.

Non c’è solo quello, però: un’adolescente ha bisogno di crearsi un luogo e un gruppo in cui si senta al sicuro, libero di essere sé stesso. Chiunque stia al di fuori di quel gruppo, fuori dalla sua cerchia, è considerato un nemico.

I gruppi di amici sono da considerare come l’equivalente di una comunità tribale: un gruppo di persone che si legano sulla base di interessi comuni di controllo, fedeltà e affetto.

Da adolescenti, ma anche da più grandi, trovare il proprio posto, la propria tribù non è mai una cosa semplice: coltivare il rapporto con gli altri sarà sempre complicato, soprattutto per chi non ha molta fiducia in sé stesso.

Gli atteggiamenti maschera: cosa significano davvero?

Quando non si riesce a socializzare, gli atteggiamenti messi in atto da un adolescente sono essenzialmente due:

  • Estrema timidezza: la prima reazione se non si riesce a fare amicizia con qualcuno, è sempre la stessa: rinchiudersi in sé stessi ed essere troppo timidi. Certo, la timidezza è un lato caratteriale che di per sé è innocuo, ma se estremizzato può portare a fortissimi problemi relazionali. Immagina di essere tu il ragazzo più timido della scuola: stai sempre in disparte, parlare agli estranei ti fa arrossire e balbettare, sei sempre agitato. Brutto, vero?

  • Spavalderia: se non si è timidi, per fare amicizia con gli altri e nascondere il proprio senso di inadeguatezza ci si rifugia spesso dietro la spavalderia e la ribellione. Un atteggiamento dichiaratamente oppositivo e di ribellione è un modo per nascondere la paura di non essere accettati dagli altri.

Il ruolo di mamme e papà

Se hai un figlio adolescente che ha messo in atto uno di questi atteggiamenti, sappi che il tuo ruolo è importantissimo. Cosa può fare un genitore che vede il proprio figlio incespicare verso la strada per l’età adulta?

Se tuo figlio è troppo timido, non forzarlo a socializzare: quest’atteggiamento non farà altro che rafforzare in lui l’idea di essere inadatto e inadeguato al rapporto con gli altri.

Se invece hai un figlio un po’ sbruffone che non fa altro che disobbedirti e negare tutte le autorità, la soluzione al tuo problema è uno solo: regole.

Devi dare a tuo figlio delle regole da rispettare e importi affinché vengano rispettate: insegnare la disciplina e il rispetto per gli altri sarà un grande aiuto per fare di quell’adolescente ribelle un adulto intelligente e consapevole.

Se ti rendi conto che la ribellione si è trasformata in qualcosa di più grave che coinvolge e infastidisce i suoi coetanei, puoi fare una cosa sola: parla ad insegnanti e genitori e cercate insieme un punto d’incontro.

Ragazze e corpo che cambia: aiutale ad amarsi

Parliamo adesso dell’ultimo, spinoso argomento di cui trattare quando si ha a che fare con un adolescente: il corpo che cambia.

Soprattutto per le ragazze, quello della pubertà è un momento cruciale: sono bombardate di messaggi negativi che continuano ad accostare la bellezza alla magrezza, ai seni prosperosi e alle forme perfette. Se non si vedono come sulle copertine si sentono brutte ed imperfette.

È compito del genitore insegnare alla propria figlia ad accettarsi nonostante i difetti. Tua figlia deve sapere che la propria bellezza non dipende dall’approvazione degli altri ma solo dalla sua capacità di volersi bene.

Alla prossima!

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Condividi questo post!

Sai qual è la parte più difficile dell’essere un adolescente? Il rapporto con i coetanei. Mentre quando si è bambini il principale obbiettivo è quello di creare alleanze, in adolescenza il modo di vedere le cose cambia radicalmente.

Immagina che un adolescente sia come una rockstar che cerca di sfondare nel mondo della musica: tutto quello che vuole è ricevere approvazione e consenso. Sentirsi approvato dagli altri ed essere parte di un gruppo per un adolescente è fondamentale.

Non c’è solo quello, però: un’adolescente ha bisogno di crearsi un luogo e un gruppo in cui si senta al sicuro, libero di essere sé stesso. Chiunque stia al di fuori di quel gruppo, fuori dalla sua cerchia, è considerato un nemico.

I gruppi di amici sono da considerare come l’equivalente di una comunità tribale: un gruppo di persone che si legano sulla base di interessi comuni di controllo, fedeltà e affetto.

Da adolescenti, ma anche da più grandi, trovare il proprio posto, la propria tribù non è mai una cosa semplice: coltivare il rapporto con gli altri sarà sempre complicato, soprattutto per chi non ha molta fiducia in sé stesso.

Gli atteggiamenti maschera: cosa significano davvero?

Quando non si riesce a socializzare, gli atteggiamenti messi in atto da un adolescente sono essenzialmente due:

  • Estrema timidezza: la prima reazione se non si riesce a fare amicizia con qualcuno, è sempre la stessa: rinchiudersi in sé stessi ed essere troppo timidi. Certo, la timidezza è un lato caratteriale che di per sé è innocuo, ma se estremizzato può portare a fortissimi problemi relazionali. Immagina di essere tu il ragazzo più timido della scuola: stai sempre in disparte, parlare agli estranei ti fa arrossire e balbettare, sei sempre agitato. Brutto, vero?

  • Spavalderia: se non si è timidi, per fare amicizia con gli altri e nascondere il proprio senso di inadeguatezza ci si rifugia spesso dietro la spavalderia e la ribellione. Un atteggiamento dichiaratamente oppositivo e di ribellione è un modo per nascondere la paura di non essere accettati dagli altri.

Il ruolo di mamme e papà

Se hai un figlio adolescente che ha messo in atto uno di questi atteggiamenti, sappi che il tuo ruolo è importantissimo. Cosa può fare un genitore che vede il proprio figlio incespicare verso la strada per l’età adulta?

Se tuo figlio è troppo timido, non forzarlo a socializzare: quest’atteggiamento non farà altro che rafforzare in lui l’idea di essere inadatto e inadeguato al rapporto con gli altri.

Se invece hai un figlio un po’ sbruffone che non fa altro che disobbedirti e negare tutte le autorità, la soluzione al tuo problema è uno solo: regole.

Devi dare a tuo figlio delle regole da rispettare e importi affinché vengano rispettate: insegnare la disciplina e il rispetto per gli altri sarà un grande aiuto per fare di quell’adolescente ribelle un adulto intelligente e consapevole.

Se ti rendi conto che la ribellione si è trasformata in qualcosa di più grave che coinvolge e infastidisce i suoi coetanei, puoi fare una cosa sola: parla ad insegnanti e genitori e cercate insieme un punto d’incontro.

Ragazze e corpo che cambia: aiutale ad amarsi

Parliamo adesso dell’ultimo, spinoso argomento di cui trattare quando si ha a che fare con un adolescente: il corpo che cambia.

Soprattutto per le ragazze, quello della pubertà è un momento cruciale: sono bombardate di messaggi negativi che continuano ad accostare la bellezza alla magrezza, ai seni prosperosi e alle forme perfette. Se non si vedono come sulle copertine si sentono brutte ed imperfette.

È compito del genitore insegnare alla propria figlia ad accettarsi nonostante i difetti. Tua figlia deve sapere che la propria bellezza non dipende dall’approvazione degli altri ma solo dalla sua capacità di volersi bene.

Alla prossima!

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Condividi questo post!

Psicologo Psicoterapeuta

Iscritto all’Ordine degli Psicologi della Regione Sicilia, sez. A n° 6527

P. Iva 05309230877